5 Consigli per Fotografare Alba e Tramonto

fotografare alba e tramonto

Un sole che si prepara verso l’alba o il tramonto, mentre siamo in escursione sopra una montagna, può regalare fotografie bellissime, se utilizziamo o meno una fotocamera.

Fotografare alba e tramonto può essere difficile in determinate circostanze, ma con alcuni consigli che ti darò, non dovrebbe essere più difficile.

Vediamoli insieme!

La preparazione

Per fotografare alba e tramonto, dobbiamo prepararci tutta l’attrezzatura necessaria al fine di portare, solo quello che ci serve. La macchina fotografica, un telecomandino, i filtri ed importantissimo un buon cavalletto stabile.

Inoltre dobbiamo conoscere anche la situazione meteo, e la posizione del sole all’ora dell’alba o del tramonto. Questo lo possiamo fare con determinate app, clicca qui se ti sei perso le 10 APP per la pianificazione in fotografia!

Perchè arrivare sul posto non è per niente bello se il sole si trova dietro a una montagna o una collina, o dietro alle nuvole.

Il cavalletto stabile ci serve solamente se vogliamo allungare i tempi di esposizione, con o senza l’uso di filtri ND o se non possiamo raggiungere i tempi di scatto di sicurezza.

La composizione

Quando andiamo a comporre una scena di alba o tramonto, non dobbiamo per forza piazzare il sole al centro dell’inquadratura, perché risulterebbe bello ma noioso.

Possiamo invece usare la regola dei terzi, per suddividere l’immagine in 9 parti uguali, cosi da rendere l’immagine più dinamica e bella da vedere.

Inoltre possiamo usare alberi, sentieri o qualunque oggetto o soggetto, che troviamo sulla scena, cosi da rendere più accattivante e magnifica una fotografia.

alba e tramonto

Se vogliamo fotografare il sole, in maniera che esce a stella sulla fotografia, dobbiamo fare in modo che la luce filtri attraverso qualcosa, ad esempio che passa attraverso i rami di un albero.

Non dimenticarti inoltre, se vuoi il sole a stella di chiudere il diaframma da f/16 in poi.

I parametri di scatto

Quando siamo pronti per scattare una fotografia all’alba o al tramonto, dobbiamo capire innanzitutto quali sono i nostri parametri di scatto.

In genere si scatta sempre con il cavalletto montato, e si portano l’ISO al valore più basso possibile (50-100 ISO).

Inoltre consiglio anche di impostare il bilanciamento del bianco su Nuvoloso, cosi da rendere più caldi i colori, ovviamente possiamo poi andarlo a riprendere in post-produzione.

Quando scattiamo la fotografia, la messa a fuoco automatica può fare fatica ad agganciare, per questo motivo e meglio aiutarla con la messa a fuoco manuale, sistemandola su Infinito.

Per aumentare la nitidezza, e la profondità di campo dobbiamo invece impostare il diaframma intorno a f/11. Occhio a non esagerare a chiudere tutto il diaframma altrimenti rischiamo il fenomeno della diffrazione.

Se vogliamo solo la fotografia bella esposta per il cielo scattiamo la fotografia a EV0. Se invece vogliamo immortalare anche tutto il paesaggio, dobbiamo ricorrere al metodo del bracketing.

Cos’è questo bracketing?

Dobbiamo scattare tre fotografie a EV variabile +2 0 +2, e poi unirli con le maschere di luminanza su Photoshop, oppure con il metodo dell’HDR su Lightroom.

In un mio articolo ho spiegato la differenza tra HDR, Tonemapping e Bracketing, e come unire le foto in HDR, se te lo sei perso clicca qua.

Ma se volete approfondire l’argomento delle Maschere di Luminanza e di Colore, oppure il Dodge& Burn, scaricate questo ebook.

Fotografare Alba e Tramonto in Silhouette

Quante volte ti è capitato di vedere in giro per il web oppure in qualche mostra d’arte delle fotografie con il soggetto tutto sotto esposto e il cielo tutto ben esposto?

Sto parlando della fotografia in silhouette, una semplice ma efficace tecnica che rende le fotografie d’impatto.

Come realizzare questo tipo di fotografia?

Semplice, dobbiamo innanzitutto scegliere un soggetto e posizionarlo di profilo davanti al sole.

Dobbiamo esporre per il cielo in questo caso, cosi da rendere l’immagine tutta sotto esposta, ci possiamo aiutare con la compensazione a EV -1.

Non dimenticarti di mettere a fuoco il soggetto, ma esporre per il cielo. Possiamo cosi produrre fotografie semplici ma artistiche.

Fotografare alba e tramonto con i riflessi

Scattare fotografie all’alba o al tramonto può diventare a lungo andare noioso e frustrante.

Un consiglio che ti do è quello di ricercare tramite l’aiuto di Google Maps e Google Earth, dei laghi o anche dei fiumi di montagna, cosi da fare riflettere la luce solare sull’acqua, creando effetti spettacolari.

Fotografare alba e tramonto

Altrimenti ricercate in zona oggetti metallici riflettenti, come guardrail, oppure anche l’asfalto bagnato luccicante.

In fotografia non bisogna sempre seguire le regole, basta seguire il proprio istinto e innanzitutto divertirsi e poi cercare di portare a casa uno scatto degno di nota.

Ciao e buona luce!!

Articoli recenti:

Se l'articolo è stato di tuo gradimento, Condividilo con i tuoi amici!
error

7 potenti suggerimenti fotografici per foto straordinarie

foto straordinarie

7 potenti suggerimenti fotografici per creare foto straordinarie e d’impatto.

Alcuni suggerimenti per creare foto straordinarie sia che tu stia usando una fotocamera compatta, reflex, mirrorless o un semplice Smartphone, comprendendo qualche principio della fotografia e della composizione.

Riempi la scena per creare foto straordinarie

Riempire la scena con quello che ti piace, e l’unica regola più importante in fotografia e l’unica regola su cui non dovremmo mai transigere.

Avvicinarsi al soggetto quanto più possibile sia con lo zoom sia con le gambe, facciamo in modo che riempiamo la scena con solo quello che ci interessa, altrimenti se riempiamo la scena con quello che ci capita sotto tiro, diventa una fotografia distratta.

foto straordinarie

Questa regola la possiamo usare su tutto quello che vogliamo fotografare, paesaggi, ritratti, animali selvaggi. Lasciamo dentro quello che vogliamo fotografare e escludiamo fuori dalla scena tutto quello che non vogliamo.

Semplice, ma Esagerato

Una bella fotografia è come una caricatura, e semplice ma esagerata. Quindi una volta trovato il tuo soggetto, pensa in qualche modo come fare risaltare le proprie caratteristiche.

  • Usiamo il contrasto per mettere il soggetto più in evidenzia
  • Usiamo soggetti piccoli e grandi, per creare il senso della grandezza o scala.
  • Allunghiamo il tempo di esposizione per enfatizzare il movimento.
Foliage Castagneto

Non centrare il tuo soggetto

Non centrare mai il tuo soggetto dritto nella fotocamera, risulta essere una fotografia statica e noiosa.

Immagina di dividere la scena in 9 parti uguali, usando la regola dei terzi, cerca di posizionare il tuo soggetto sulle intersezioni delle linee, cosi facendo crei una senso di interesse, e enfatizzi quello che secondo te è molto importante.

Crea profondità

Usa la tecnica chiamata “vicino e lontano” per creare profondità e inserire il tuo soggetto nella fotografia.

Per usare questa tecnica dobbiamo avere un soggetto molto vicino alla fotocamera, e uno molto lontano, cosi facendo crei una storia tra il soggetto e l’ambiente, ma anche un senso di profondità tridimensionale.

Fotografare i paesaggi. Da semplici istantanee a grandi scatti

Connessione dei Punti

Se vogliamo includere più di un soggetto nella scena, dobbiamo far in modo che colleghiamo tutti i soggetti per realizzare una fotografia armoniosa.

Realizzando cosi una fotografia, facile da capire per il nostro spettatore.

Usiamo le linee guida per collegare i vari punti, come ad esempio un fiume, un sentiero, un tronco..ECC, tutto quello che troviamo sul campo può andare bene.

La prospettiva

Un buon metodo per fare dire alle persone, “WOW questa è proprio una foto straordinarie” è quello di fargli vedere qualcosa che non hanno mai visto prima.

Perché scattare sempre da altezza occhi? Possiamo usare tante altre prospettive per enfatizzare al meglio il nostro soggetto.

Quindi, gioca con l’altezza di scatto, abbassati o alzati per prendere nuove prospettiva.

Sii Creativo, cambia modo di vedere le cose, cambia Prospettiva!

La luce

Sfortunatamente quando andiamo a creare la nostra maggior parte di fotografie andiamo a scattare nelle ore intorno al mezzogiorno, la cosa migliore da fare parlando in termini fotografici e tornare all’alba o al tramonto per avere una luce più morbida e fine.

Se ad esempio siamo sul campo e non possiamo tornare per svariati motivi, usiamo le ombre a nostro vantaggio. Sotto gli alberi, o in condizioni meteo nuvolose, possiamo trovare anche una bella luce morbida e uniforme.

Rompi le regole

Ultima regola Bonus, rompi tutte le regole. Scattare foto straordinarie dovrebbe essere un momento di divertimento e di relax, e di fare vedere alle persone come tu vedi il mondo, quindi non preoccuparti di uscire e sperimentare.

Ricorda, La regola più bella è il divertimento!

Ciao e buona luce!!

Articoli recenti :

Se l'articolo è stato di tuo gradimento, Condividilo con i tuoi amici!
error

20 Frasi sulla Fotografia di Paesaggio

Frasi sulla Fotografia

A grande richiesta una raccolta di 20 Frasi sulla Fotografia che possiamo usare nell’ambito Paesaggistico, con temi sulla luna, sul alba e sul tramonto.

Prima però se sei nuovo volevo invitarti a iscriverti alla nostra newsletter, cosi da non perderti le ultime novità in ambito paesaggistico, clicca qui.

Credo che la fotografia abbia un potere speciale, è in grado di fissare per sempre un attimo dandogli la possibilità di continuare per sempre ad esistere, è come se gli donasse infinite vite.

Anonima

Le fotografie possono raggiungere l’eternità attraverso il momento

Anonimo

Scattare una foto e come intrappolare il tempo e poi farlo ripartire ogni volta che diamo uno sguardo all’immagine.

se_felix46

“La macchina fotografica è uno strumento che insegna alla gente come vedere il mondo senza di essa.”

Dorothea Lange

Il paesaggio non ha linguaggio e la luce non ha grammatica, eppure milioni di libri cercano di raccontarli.

Robert Macfarlane

Sono cresciuta avendo il paesaggio come una risorsa, con la possibilità di uscire dal regno orizzontale delle relazioni sociali per entrare in quello verticale dove la terra e il cielo, la materia e lo spirito sono allineati.

Rebecca Solnit)

Preferisco l’inverno e l’autunno, quando si sente la struttura ossea del paesaggio – la sua solitudine, il sentimento pieno dell’inverno.

Andrew Wyeth

Migliaia di persone stanche, stressate e fin troppo “civilizzate”, stanno cominciando a capire che andare in montagna è tornare a casa e che la natura incontaminata non è un lusso ma una necessità.

John Muir

Sulla montagna sentiamo la gioia di vivere, la commozione di sentirsi buoni e il sollievo di dimenticare le miserie terrene. Tutto questo perché siamo più vicini al cielo.

Emilio Comici

Se non scali la montagna non ti potrai mai godere il paesaggio.

Pablo Neruda

Chi più alto sale, più lontano vede; chi più lontano vede, più a lungo sogna.

Walter Bonatti

E’ Guardando il tramonto riflesso nei tuoi occhi che ho capito d’amarti

Anonimo

Al tramonto, sembra che il cielo si incendi, fiammeggiando di arancione, cremisi e oro, sfumando a poco a poco in un color prugna violaceo, prima di tingersi del nero della notte più nera che si possa immaginare, così nero che le stelle non paiono bianche, ma d’argento splendente.

Alan Coren

Ci incontreremo sul lato oscuro della luna.

Pink Floyd

Non giudicare nessuno finché non hai camminato due lune nei suoi mocassini

Proverbio Indiano

Guarda l’alba che ci insegna a sorridere, quasi sembra che ci inviti a rinascere. Tutto inizia, invecchia, cambia forma, l’amore tutto si trasforma. L’umore di un sogno col tempo si dimentica.

Carmen Consoli

Puoi svegliarti anche molto presto all’alba, ma il tuo destino si è svegliato mezz’ora prima di te.

Proverbio Africano

Quando il cielo si colora di rosa, le acque del mare si tingono di un colore chiaro ed una leggera brezza crea delle pieghe sulla superficie del mare. I sole nasce discreto all’orizzonte e lentamente arriva ad illuminare le nostre giornate.

Anonimo

Un Paese che distrugge il suo suolo distrugge se stesso. Le foreste sono i polmoni della nostra terra, purificano l’aria e danno nuova forza alla nostra gente.

Franklin Rossevelt

Quando un’alba o un tramonto non ci danno più emozioni, significa che l’anima è malata.

Roberto Gervaso

P.S Queste Frasi sulla Fotografia sono state scelte appositamente da me, quindi sono le mie 20 frasi preferite, ci sono un sacco di Frasi sulla Fotografia di Paesaggio, che non basterebbe un articolo per racchiuderle tutte.

Se questi 20 Frasi sulla Fotografia di Paesaggio, sono stati di tuo gradimento, ti invito a lasciare un commento, qui sotto oppure a condividerlo con i tuoi amici!

Articoli recenti:

Fonti:

Se l'articolo è stato di tuo gradimento, Condividilo con i tuoi amici!
error

10 app per fotografia Gratuite di Successo

10 APP per fotografia di paesaggio

10 App per la pianificazione in Fotografia!

Stai cercando delle App per la fotografia? Che ti consentono di gestire tutte le situazioni nella Fotografia di Paesaggio? Ecco sto per farti vedere una lista Bomba!!

Sono delle App che se sfruttate correttamente possono andare a migliorare la vita al Fotografo di Paesaggi.

Ti starai chiedendo, com’è possibile migliorare la vita del fotografo di paesaggi?

Sei nel posto giusto al momento giusto.

Prima pero volevo invitarti a iscriverti alla nostra newsletter, per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità nel campo della fotografia paesaggistica!

Ecco la lista, le top 10 App per fotografia che uso anche io:

  • Photographer’s compagnion
  • Photopills
  • Sun Locator Lite
  • Google Earth
  • Google Maps
  • Meteo Radar
  • Windy
  • SkySafari
  • Allarme Fulmini
  • ND Filter Expert

Photographer’s compagnion

Questa applicazione ti aiuterà a lasciare la modalità automatica della tua fotocamera che non fa tutto e non controlla tutto. Per i fotografi più esperti, può semplificare le impostazioni eseguendo i calcoli per te.

In ogni caso, non è un’applicazione magica per fare sempre belle foto, ma ti permetterà di trovare le impostazioni di base per perfezionare l’immagine migliore che pensi.

È rivolto a fotografi professionisti o dilettanti (è richiesta una conoscenza di base) e offre gli strumenti per:

  • Calcolare l’esposizione alternativa o equivalente (gestisce il filtro ND)
  • Calcola la profondità di campo, iperfocale e Bokeh simulazione
  • Calcolare il campo di vista
  • Calcola il tempo di esposizione per congelare il movimento di un soggetto
  • Calcola l’ora del alba / tramonto, l’ora d’oro e l’ora blu
  • Prendi la posizione del sole, il tempo dell’alba / tramonto, l’ora d’oro, il tempo blu e il calendario mensile
  • Fotografare la luna a seconda della fase del giorno
  • Fotografare paesaggi illuminati dalla Luna
  • Prendi la posizione della luna, l’ora di salita / set e il calendario mensile
  • Fotografare l’aurora boreale
  • Fotografare fulmini e fuochi d’artificio
  • Calcolare l’impostazione migliore per un (valore di esposizione) EV data
  • Calcolare la distanza o l’apertura con un flash
  • Calcolare le impostazioni ottimali a seconda della luce di posizione (Light Meter)
  • Calcola per la foto macro il possibile ingrandimento con una lente close-up o una tubo di prolunga
  • Calcola il formato di stampa
  • Calcolo del Timelapse, Scegliere le caratteristiche di un caso (dimensioni del sensore, fattore di conversione, risoluzione del sensore, gamma ISO, intervallo di velocità dell’otturatore, circolo di confusione).

Questa applicazione nella versione Normale oppure Pro può essere scaricata solo per Android.

Photopills

Un altra app per la fotografia importante e pensata per tutti: fotografi esperti, videomaker professionisti, utenti alle prime armi, è PhotoPills. Con PhotoPills sarà sempre piacevole ideare, progettare e scattare immagini uniche.

Scopri come è semplice pianificare qualsiasi scatto con Sole, Luna e Via Lattea, in ogni luogo della Terra…sistematicamente!

Ti è mai capitato di passeggiare in un luogo e pensare “Che peccato che la luna non sia PROPRIO in quel punto…sarebbe venuta una foto fantastica!”? E che dire del sole o della Via Lattea? Ora puoi far correre la fantasia e calcolare quando succederà.

Si possono creare liste di possibili scatti, pianificarli e condividerli!! Disponibile solo su Android e Apple Store.

Sun Locator Lite

Sun Locator prevede le posizioni di sole e luna durante l’arco del giorno e dell’anno.

  • La vista principale presenta i dati importanti relativi alla posizione solare e lunare attuale, come il tramonto e l’alba del sole, il crepuscolo, la fase lunare, ecc.
  • La vista fotocamera presenta la modalità realtà aumentata di Sun Locator. La posizione Sole e Luna è sovrapposta alla fotocamera del dispositivo e ti aiuta a visualizzare direttamente il percorso del sole e della luna e a controllare eventuali ostacoli.
  • La vista mappa presenta il percorso del sole e della luna su Google Maps e l’ombra viene visualizzata su una meridiana tridimensionale.

Questa App per fotografia è disponibile solo per Android.

Google Earth e Google Maps

Sono due applicazioni, importantissimi per visualizzare le mappe del mondo intero.

Google Earth ti mostra più nel dettaglio in 3D tutta la morfologia del terreno, mentre Google Maps è più generico e visualizza tutte le strade, in maniera Satellitare.

Con Google Earth puoi sorvolare punti di riferimento e città come Londra, Tokyo e Roma, ammirali in 3D e in dettaglio con Street View. Scopri il mondo da un nuovo punto di vista con Voyager, che offre esperienze uniche grazie alla collaborazione con Sesame Street, BBC Earth, NASA e altri ancora.

Queste due Applicazioni sono disponibili Solo per Android e IOs.

Meteo Radar

L’app gratuita Meteo & Radar offre previsioni affidabili e accurate, a breve e a lungo termine, sulle diverse condizioni meteorologiche, in Italia e nel mondo, a qualsiasi ora! Informazioni dettagliate su: condizioni di bel tempo o di instabilità, precipitazioni come pioggia neve e grandine, venti, temperatura atmosferica e delle acque, umidità.

Le principali funzionalità dell’applicazione Meteo & Radar sono:

  • Previsioni del tempo orarie e giornaliere
  • Tendenza meteo fino a 14 giorni
  • Allerte meteo per maltempo
  • Temperatura dell’acqua
  • Widget meteo
  • Radar meteo per l’Italia e il mondo
  • News meteo locali e internazionali
  • Bollettino neve e info sci

Personalmente uso questa applicazione quando devo controllare il meteo per la giornata, oppure per la serata, e la trovo abbastanza precisa è affidabile. La troviamo su Play Store e Apple Store, e in una variante di “Meteo 14 giorni” su Windows Phone.

Windy

Windy è uno strumento straordinario per la visualizzazione delle previsioni meteorologiche.

Questa app meteo veloce, intuitiva, dettagliata e più accurata è utilizzata da

  • Piloti professionisti
  • Parapendisti
  • Fotografi di paesaggi
  • Paracadutisti
  • Surfisti
  • Navigatori
  • Pescatori
  • Cacciatori di tempeste
  • Amanti del meteo, e persino da governi, forze armate e squadre di soccorso.

Che tu stia seguendo una tempesta tropicale o meteo potenzialmente grave, pianificando un viaggio, praticando il tuo sport all’aperto preferito o che tu debba solo sapere se pioverà questo fine settimana, Windy ti fornisce le previsioni più aggiornate.

windy

Purtroppo questa meravigliosa applicazione è disponibile solo su Android. Ma se abbiamo uno moderno smartphone possiamo andare a cercare l’applicazione anche tramite il browser, entrando Windy.com.

SkySafari – L’APP per fotografia astronomica

SkySafari è un planetario potente che si adatta alla tua tasca, mette l’universo a portata di mano ed è incredibilmente facile da usare! Questa applicazione è utilissima per chi si affaccia al mondo della fotografia astronomica, infatti ti indica tutte le coordinate possibili per un dato bolide, asteroide o cometa ecc.

Tieni il tuo dispositivo sollevato al cielo e individua rapidamente pianeti, costellazioni, satelliti e milioni di stelle e oggetti del cielo profondo. Ricco di informazioni interattive e grafica ricca.

smartphone sky safari

SkySafari è il tuo compagno ideale per osservare le stelle sotto il cielo notturno.

Ti permette di guardare le piogge di meteoriti animate con informazioni complete e grafica spettacolare.

Visualizza più di 120.000 stelle, oltre 200 ammassi stellari, nebulose e galassie; tutti i principali pianeti e lune; e dozzine di asteroidi, comete e satelliti, inclusa la Stazione Spaziale Internazionale!!

La versione gratuita può essere scaricata da Google Play Store, mentre per le altre versioni, SkySafari 6 Plus e SkySafari 6 Pro bisogna pagare una cifra, ma vi assicuro che non ve ne pentirete!

Allarme Fulmini

Secondo me questa applicazione semplice entra nelle top 10 App per la Fotografia, perchè è un applicazione utile quando si vanno a fotografare i fulmini.

Riceverete una notifica in caso di temporale nella vostra zona. Il rilevamento fulmini è accurato fino a un km di distanza. E’ un App fondamentale per svolgere in sicurezza le attività all’aperto.

app per fotografia allarme fulmini

Potrete vedere in un batter d’occhio il fulmine più vicino. Sulla mappa e nel testo, vedrete di quanti km la tempesta si è avvicinata alla vostra posizione. Potrete anche attivare le notifiche, in modo tale da essere avvertiti in caso di temporali in avvicinamento.

Questa App è unica e fondamentale per la vostra sicurezza durante le attività all’aperto. Le informazioni si basano sulla stessa rete di rilevamento di Meteoplaza.com. Questa rete permette di rintracciare il 98% delle scariche elettriche. Con una precisione fino a 100 metri!

Disponibile solo su Android e IOs.

ND Filter Expert -L’App per la fotografia a lunga esposizione

Un altra app per fotografia importante, specialmente quando andiamo ad allungare i tempi di esposizione è ND Filter Expert.

Con ND Filter Expert è possibile calcolare il tempo di esposizione in modo semplice e veloce se si utilizza un qualsiasi filtro ND sulla fotocamera reflex.

Non servono più quelle liste dove si scriveva il tempo di esposizione e l’equivalente con un filtro nd.

Ora basta usare questa applicazione e nel giro di pochi secondi, calcoliamo la nostra esposizione equivalente, il bello è che si possono combinare fino a 5 filtri insieme!

Disponibile solamente per Android.

Questo è tutto, se conoscete altre app per fotografia, che ritenete importanti, fatemelo sapere nei commenti! E vi ricordo nuovamente che potete iscrivervi alla newsletter.

Ciao e buona Luce!!

Ti piace questo articolo?

Loading ... Loading ...
Se l'articolo è stato di tuo gradimento, Condividilo con i tuoi amici!
error

Fotografia Paesaggistica? Check-list?

fotografia paesaggistica alba

Come partire per realizzare una fotografia paesaggistica?

Come pianificare la fotografia paesaggistica? Esistono alcuni accorgimenti che gli utenti esperti ormai conoscono, ma magari hai principianti può sfuggire qualcosa. Vediamoli insieme!

Prima però se sei nuovo/a volevo invitarti a scriverti alla nostra newsletter per ricevere e non perderti le nostre ultime novità, nell’ambito della Fotografia Paesaggistica, clicca qui.

1.Ricerca luogo perfetto su Google Maps o Google Earth

Ricercare il luogo perfetto su Google Maps o su Google Earth secondo me è la fase più importante quando uno va alla ricerca di fotografie da scattare.

Se non si sa quello che si vuole portare a casa, meglio rimanere a casa piuttosto che uscire alla ricerca di qualcuno o qualcosa da fotografare, nella disperata ricerca di trovare qualcosa.

Un altro metodo magari può essere il passaparola tra amici o fotografi della zona, oppure la ricerca anche su Instagram o 500px.com, cercando nella apposita sezione luogo si hanno a disposizione diverse o migliaia di possibili scatti da fare.

2.Verificare condizioni meteo ideali per la Fotografia di Paesaggio

Prima di partire a scattare la nostra fotografia di paesaggio, è meglio pensare che tipo di condizione meteo preferiamo per quel dato scatto, se preferiamo le ore mattutine o il tardo pomeriggio.

O se invece preferiamo la luce calda filtrata da un cielo nuvoloso?

Oppure se vogliamo possiamo anche scattare nelle ore centrali della giornata se vogliamo un bel contrasto netto alle nostre ombre e luci.

3.Se possibile andare prima a verificare il luogo

Conoscere il luogo e andare prima a fare un sopralluogo per verificare eventuali angolazioni interessanti, vedere che impatto ha la luce sul soggetto, può risparmiarti tante fatiche, cosi puoi facilmente arrivare al giorno prestabilito e all’ora X che si vuole scattare la fotografia.

fotografia paesaggistica

4.L’attrezzatura necessaria

Ti consiglio di portarti dietro solo il minimo indispensabile, perchè se ad esempio scatti di giorno non penso che ti serva una torcia oppure un flash.

Magari non portarti filtri che non ti possono nemmeno servire.

fotografia paesaggistica attrezzatura

Ricordati più leggero sei, più veloce sei e meno fatica fai!

5. Equipaggiamento necessario

In natura, se scatti all’ombra oppure viceversa se scatti alla luce solare, è possibile che senti freddo oppure caldo, quindi è consigliabile magari vestirsi a strati e con un abbigliamento comodo e termico che non ti faccia sudare.

E se invece hai deciso che vuoi scattare fotografie in mezzo all’acqua dovrai munirti di stivali, altrimenti la sola cosa che puoi fare e scattare da fuori l’acqua.

6.Ricerca della miglior composizione nella fotografia paesaggistica

Sei arrivato sul posto, hai trovato il tuo soggetto principale, ora non ti resta altro che prendere la fotocamera e iniziare a ricercare l’angolazione perfetta per questo scatto, magari guardando e riguardando più volte dal mirino della tua fotocamera.

Magari preferisci un angolazione raso terra? Un angolazione di lato? Oppure un altra più nascosta dietro rami o dietro rocce… Sperimenta..

Ricercare le linee guida, che vanno da destra a sinistra, da sopra a sotto, o trasversalmente nella scena, può rendere la tua foto ancor più dinamica.

Ho scritto anche un breve articolo sulla miglior composizione da ricercare nella paesaggistica, clicca qui.

7.Sistemazione dell’attrezzatura e fase di scatto

Una volta che hai trovato l’angolazione, ti sei nascosto dietro i rami di un albero, oppure le rocce, è arrivato il punto di uscire il treppiede.

Posiziona il treppiede in modo stabile e quanto più simile all’angolazione che hai assunto tu nel punto precedente… e posizionaci su la fotocamera.

Se serve usa un filtro polarizzatore per eliminare eventuali riflessi, oppure per accentuare il contrasto e i dettagli.

vittorio guarda orizzonte

Una volta pronto, ti raccomando di usare il telecomando remoto per evitare il micro mosso causato da quando premi il pulsante di scatto. In alternativa puoi usare lo scatto ritardato di 2 sec oppure di 10 secondi (se ti sei dimenticato del telecomando remoto).

8.Post-produzione della Fotografia Paesaggistica

Una volta terminato tutto, e siete ritornati a casa sani e salvi… dobbiamo rivedere le fotografie… in particolare dobbiamo Post Produrre le nostre amate fotografie.

Un metodo che vi consiglio è quello di usare Adobe Camera Raw di Photoshop, o Lightroom (sono la stessa cosa).

Quindi facciamo le nostre regolazioni di base e se siamo più bravi, possiamo usare anche quelle più avanzate.

fotografia paesaggistica post-produzione

9.Stampa o Pubblicazione sul Web

Terminata la fase di Post-Produzione, quindi aggiustati ombre, luci, esposizione ecc ecc, dobbiamo salvare il nostro file nel formato più grande disponibile, ad esempio nei 24megapixel possiamo lasciarla intera a 6000×4000 pixel, se vogliamo stamparla.

Se invece decidiamo che la vogliamo solo pubblicare sul web, quindi su Facebook…o su Instagram, la dobbiamo ridimensionare noi.

Quindi su Photoshop, andiamo nel Menu-> Immagine -> Dimensione Immagine, e la andiamo a restringere nella Larghezza a 1920 pixel e automaticamente (Photoshop fa la proporzione con l’Altezza).

Nota: Si fa questo procedimento per non sovraccaricare i social, altrimenti se carichiamo foto pesanti i social in automatico, vanno a restringere le immagini causandone un calo enorme di qualità.

Ti ricordo inoltre che ho scritto una guida definitiva sulla fotografia di Paesaggio, clicca qui per leggerla.

Bene, la check-list è terminata, se riconoscete che secondo voi manca qualcosa, fatemelo sapere nei commenti qui sotto! Altrimenti vi ricordo che potete iscrivervi alla newsletter per non perdere ulteriori novità nel mondo della fotografia paesaggistica.

Qui sotto una foto con tutti i punti fondamentali !!

Checklist

Ciao e buona Luce!!

Se l'articolo è stato di tuo gradimento, Condividilo con i tuoi amici!
error

Come modificare una foto HDR

Come modificare una foto in controluce

A grande richiesta, oggi un tutorial su come modificare una foto… un pò particolare… perchè particolare?

Perchè parliamo di una foto in controluce, quindi, situazioni al tramonto o all’alba, oppure quando c’è una forte lampada accesa proprio davanti alla nostra fotocamera.

Parliamo anche di HDR, quindi bracketing e tone mapping.

Voglio spiegarvi brevemente la differenza tra questi 3 concetti:

HDR: La fotocamera produce 3 scatti(-1 0 +1), che unisce lei stessa in un formato possiamo dire Automatico che va a creare spesso dei aloni.

Bracketing: è lo stesso procedimento solo che gli scatti li produciamo noi attraverso l’uso del tempo di esposizione, quindi andiamo a creare i nostri scatti anche più grandi… -1 -2 -3 oppure +1 +2 +3.

Tonemapping: Invece quest’ultima è un pò più differente, perchè questo procedimento lo facciamo direttamente in post-produzione partendo da uno scatto a EV 0.

Il mio consiglio è sempre quello dove possibile di usare il bracketing… in quelle situazioni dove non si può, per mancanza di tempo, o per mancanza di treppiede o perchè potete fare solo una foto, usiamo il tone mapping.

Modifcare una Foto con Photoshop

Prendiamo in esempio un tramonto estivo sulle montagne siciliane, dove il cielo risulta ben esposto, ma abbiamo una forte sotto-esposizione nella parte in basso in particolare sulle montagne e colline.

Nota: E’ meglio scattare le fotografie sempre in RAW, per ottenere il massimo risultato disponibile. Se non sai la differenza tra RAW e JPEG, clicca qui.

In questo caso ho usato la tecnica del Tone Mapping, direttamente su Photoshop.

Modifica foto file raw

Per prima cosa apriamo il file in Camera RAW e diamo un tocco di correzioni di base, quindi Esposizione, Contrasto, Luci, Ombre ecc, senza esagerare, altrimenti andiamo a creare una situazione surreale e iniziano i primi aloni.

Se ti sei perso l’articolo sulle Correzioni base di Camera RAW, clicca qui.

Modifica foto, Corezione base
Camera Raw, Preparazione della foto

Dopodiché, duplichiamo il livello ottenuto altre 3 volte e creiamo cosi i livelli con le varie esposizioni differenti, +1 0 +1 e torniamo in Camera RAW.

(Nota e sempre buona norma duplicare un livello e lasciarlo cosi com’è per motivi di sicurezza)

Modifica foto
Creazione del ToneMapping

Tornati su Camera RAW dobbiamo alzare e abbassare l’Esposizione in base al livello che abbiamo scelto, se abbiamo preso il livello +1 aumentiamo l’esposizione a +1, se viceversa abbiamo preso il livello -1, abbassiamo l’esposizione a -1

NOTA, io in questo caso ho messo la differenza solamente di uno stop, di 1 EV, che già andava bene, ma ci sono casi incui bisogna fare anche +2+3 o -2-3.

Modifica foto
Cambio Esposizione

Chiuso Camera RAW torniamo nel pannello base dei livelli, e nascondiamo il livello +1, e selezionando il livello base 0, andiamo nel pannello dei CANALI, e con il tasto CTRL clicchiamo con il sinistro del mouse sul canale RGB.

Canale RGB luci
Selezione del Canale RGB

Vediamo cosi che spuntano le famose formichine, creando una selezione. Poi torniamo nel pannello dei livelli, clicchiamo sul livello -1, e andiamo a cliccare l’icona delle maschere.

Prima maschera
Aggiunta del Canale Mascherato

Successivamente torniamo sul livello 0, torniamo nel pannello dei canali e clicchiamo nuovamente sul Canale RGB, (ma questa volta dobbiamo migliorare le ombre), quindi Seleziona->Inversa, e nel pannello dei Canali andiamo a creare dei nuovi Canali ALFA Mascherati.

Se la prima selezione ci sembra troppo, possiamo sempre restringere il campo cliccando sul primo Canale quindi ALFA 1, tenendo premuto CTRL+ALT+SHIFT, possiamo creare infiniti CANALI fino a quando non ci soddisferà la selezione.

Dopodichè torniamo sul livello +1 e lo mascheriamo con la selezione.

Maschere per le ombre
Creazione del Canale Mascherato per le ombre

Incaso in cui non ci piace l’effetto ottenuto possiamo sempre prendere un pennello nero con opacità media intorno 40-50%, e selezionando la maschera del livello +1, facciamo delle pennellate leggere sulla parte del cielo.

Modifica foto
Sistemazione della Maschera con il Pennello Opacizzato

Ok arrivati a questo punto, se non abbiamo fatto errori, possiamo unire tutti i livelli e duplicarne uno sempre per sicurezza, e facciamo le correzioni avanzate su Camera RAW.

Quindi, io in questo punto ho creato una maschera di luminanza su Camera RAW, creando un effetto più dark sulle nuvole, regolando poi un pò l’esposizione, il contrasto e le ombre e aggiungendo un po di chiarezza

Successivamente ho creato invece una maschera di Colore, cioè che andava a campionare solamente il colore presente nella selezione della maschera, e regolato con l’intervallo Colori, ho sistemato nuovamente il contrasto e le luci e gli ho dato un piccolo tocco di colore rosso.

Poi creando delle maschera di luminanza per selezionare la parte bassa della foto, ho sistemato tutta la base con la tecnica del Dodge & Burn ( Scherma e Brucia).

(In un articolo successivo parlerò proprio di questa tecnica fantastica)

Ecco la foto finale, alla fine di questa Post-produzione

file finito
Foto Finale

Bene eccoci arrivati alla fine di questo breve articolo-tutorial su come modificare una foto in controluce, ho creato anche il video completo di come ho post-prodotto questa foto, se vi interessa dategli un’occhiata.

Un libro davvero utile per imparare questa tecnica e il libro di Giuseppe Moscato, Conoscere le tecniche dell’HDR. Nuovi linguaggi della fotografia attraverso la post produzione.

Ok, L’articolo Modifica foto è finito, spero che vi sia piaciuto, se avete domande fatele qua sotto nei commenti, sarò ben felice di rispondervi!

Ciao e buona Luce!! 💪💪

Se l'articolo è stato di tuo gradimento, Condividilo con i tuoi amici!
error

Come fare time lapse? Come realizzarlo?

timelapse, tramonto infuocato

Descrizione di un time lapse

La fotografia time-lapse oppure timelapse (dall’inglese, time=tempo) e (lapse=intervallo), è una tecnica cinematografica nella quale la frequenza di cattura di ogni fotogramma è molto inferiore a quella di riproduzione, a causa di questa discrepanza, la proiezione con un frame rate standard di 24 fps fa si che il tempo, nel filmato sembri scorrere più velocemente del normale.

Un filmato time-lapse viene ottenuto processando una serie di fotografie scattate in sequenza e opportunatamente montate, o attraverso video che verrano poi accelerati, questi filmati vengono prodotti con l’ausilio di video o fotocamera provvisti di intervallometri

Nella foto qui sotto possiamo considerare un frame rate standard di 24 fps, in fase di riproduzione del filmato appariranno sullo schermo 24 fotogrammi consecutivi al secondo.

Time lapse normal timeline
Frame Rate 24 fps

Quindi in breve, possiamo dire che il timelapse è un filmato di breve durata, nella quale sono ristretti moltissime foto che fanno in modo che il tempo passi velocemente.

Cosa serve per fare un time lapse?

Partiamo con il dire che per registrare un timelapse non ti serve sicuramente un attrezzatura costosa, ma logicamente più e di qualità l’attrezzatura con cui giri il timelapse, meglio è!

Comunque possiamo girare sia con un semplice smartphone , o con una fotocamera compatta, o reflex, o anche una videocamera!!

I moderni telefonini hanno integrato nelle impostazione della fotocamera, la funzione per girare i Timelapse, invece magari telefoni meno recenti, bisogna installare qualche APP che ti permetta di intervallare le fotografie, come ad esempio questa APP, Timelapse Camera.

Sicuramente la fotocamera Compatta, abbinata a un intervallometro farà le fotografie meglio di un telefono, ma se vogliamo creare un timelapse interessante e di qualità bisogna munirsi di

  1. Fotocamera Reflex o Mirrorless
  2. Obiettivo ( preferibilmente grandangolare)
  3. Intervallometro
  4. Treppiede
  5. Software
  6. Batteria e Memory Card di riserva
  7. Filtri ND ( Opzionale)

Fotocamera Reflex o Mirrorless

La scelta della fotocamera reflex influisce molto sul risultato finale, infatti è possibile comprare una macchina fotografica reflex ma di quelle economiche e avere anche una qualità diciamo… sufficiente, rispetto alle videocamere adatte allo solo scopo di time-lapse!

Ti suggerisco alcune fotocamere come la Canon EOS 60D, oppure una Canon EOS 200D, oppure un Modello più costoso e più professionale e la Canon EOS 6D Mark II.

Obiettivo

La scelta del obiettivo influisce su alcuni parametri, come l’angolo di campo ripreso oppure anche la qualità generale della fotografia.

Quindi è opportuno pensare prima di acquistare, cosa si voglia fotografare e registrare!

Se ti sei perso l’articolo su come cercare un obiettivo da acquistare clicca qui.

Intervallometro

Se la fotocamera non ha incluso nelle impostazioni l’intervallometro, è altamente consigliato acquistare un intervallometro adatto che sappia fare scattare la fotocamera X foto ogni X secondi.

Un intervallometro compatibile con la maggior parte delle fotocamera Canon e il Photoolex T710, puoi selezionare il ritardo di scatto, il numero di scatti da effettuare, i secondi di intervallo, e possibile anche scattare in modalità bulb!

Treppiede

Per registrare un Timelapse è essenziale comprare un treppiede stabile, robusto per provare a rendere più stabile possibile tutta la scena, e non dover stare li fermo, a tenere la fotocamera in posa per ore e ore.

Un treppiede stabile, robusto ma anche economico può essere ESDDI 162cm Treppiede Alluminio, ha la testa a sfera a 360° in versone Panoramica, ed e ultra leggero, infatti pesa solamente 1.35kg e può portare fino a 8/ 9 kg di attrezzatura!

Software per Post-Produzione

Dopo aver scattato tutte le fotografie della sequenza del timelapse, bisogna Post-produrrle con l’utilizzo di alcuni software della post-produzione, come ad esempio il mitico Adobe Lightroom abbinato a LRTimelapse oppure a Adobe Premiere PRO.

Batteria e Memoria di Riserva

Se siete in alta montagna, e state scattando il vostro timelapse del secolo, e vi state accorgendo che la vostra batteria si sta scaricando velocemente, oppure la vostra Memory Card si sta riempiendo più veloce del previsto.

Vi consiglio di comprare un Battery Grip, in modo da allungare la vita alla vostra fotocamera, e di comprare almeno un altra Memory Card di grosse dimensioni.

Filtri ND (Opzionale)

I Filtri ND, nei timelapse ti servono solamente di giorno se incaso vogliate fare in modo che le nuvole, o qualunque oggetto state riprendete, vi risulterrà più sfumato.

Con i filtri ND si abbassa il tempo di scatto e si possono creare magnifici effetti!

Clicca qui, per leggere l’articolo sui Filtri.

I parametri per fare time lapse

Come capire il giusto intervallo da usare nelle varie situazioni…?

Semplice più e lento il soggetto più dovete aumentare l’intervallo, viceversa più è veloce il soggetto più dovete diminuire l’intervallo.

Vi lascio una piccola tabella indicativa, ogni situazione ha la sua esposizione, e il suo Intervallo!

SoggettoTempo EVIntervallo
Persone vicine0.22
Persone lontane0.22
Traffico diurno0.11
Traffico notturno12
Nuvole veloci0.11
Nuvole Lenti0.12-4
Acqua(effetto seta)0.61
Tramonto o albaVariabile2-4
Sole0.15-20
Luna0.15-20
Ombra0.15-20
Stelle*Variabile da 15 a 60Esposizione+ T Salvataggio

Per le stelle dobbiamo calcolare prima il tempo di esposizione , attraverso la formula ( 500/ lunghezza focale) *(1.5 o 1.6) fattore di crop, e poi per l’intervallo dobbiamo prendere quel esposizione + il tempo che ci impiega la fotocamera a salvare la foto, che va da un paio di secondi a 30 sec.

Post-produzione del Timelapse

Una volta scattate tutte le fotografie della sequenza di Timelapse, e ovviamente scattato in RAW con la macchina fotografica che vi ha permesso di farlo, possiamo passare alla Post-Produzione

Vi consiglio di usare Lightroom, che vi facilità la situazione. Importate tutte le fotografie, fate le modifiche di base complete, e sincronizzate tutte le fotografie.

Una volta terminato esportate le fotografie in sequenza alla risoluzione che più preferiate.

Potete esportarlo in HD, Full HD, o 4k!

  • 1280 x 720 HD
  • 1920 x 1080 Full HD
  • 3840 x 2160 4k

Una volta terminata l’esportazione, chiudiamo Lightroom, e apriamo Adobe Premiere Pro.

Creiamo un nuovo progetto, e importiamo le fotografie in sequenza nella nostra slide.

timelapse, premiere pro
Foto e Panello di Esempio

Una volta importate nel progetto, cliccate sopra l’icona e trascinatelo semplicemente nella timeline e ecco che avete creato il Timelapse.

timelapse, sequenza timeline

Una volta terminata questa operazione siete già pronti per esportarlo a meno che non vogliate modificare qualche parametro. In caso vada tutto bene, salvate nel formato consigliato per il web H.264, in High Quality 1080p HD oppure in High Quality 2160p 4k, in base hai parametri scelti prima.

Può capitare che ce il problema del flickering. Cos’è questo problema?

È lo sfarfallio dell’immagine sullo schermo di un televisore o di un computer. È causato da piccole variazioni del valore di esposizione delle singole immagini che compongono la sequenza.

Per questo problema ci viene incontro un software, gratuito in parte, che va a modificare i parametri di esposizione gradualmente, si chiama LRTimelapse.

Vi lascio alcuni timelapse naturali da parte di utenti più esperti!

Dimmi la tua nei Commenti!

Ciao! Buona Luce e Buon Timelapse! 💪

Se l'articolo è stato di tuo gradimento, Condividilo con i tuoi amici!
error